Patrocinio a spese dello Stato

Patrocinio a spese dello Stato: Se pendente un processo penale oppure se si debba azionare o resistere in una vertenza civile o di lavoro il cliente può avvalersi del patrocinio a spese dello stato se sussistenti i presupposti di legge.

Nello specifico in ambito penale:

Al fine di essere rappresentata in giudizio nell’ambito di un procedimento penale (o penale militare), sia per agire che per difendersi, la persona non abbiente può richiedere la nomina di un avvocato e la sua assistenza a spese dello Stato, purché le sue pretese non risultino manifestamente infondate.


Per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato in ambito penale è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a € 11.493,82 (d.m. 16 gennaio 2018 in GU n. 49 del 28 febbraio 2018) e successive modifiche.
Se l’interessato convive con il coniuge o altri familiari, il reddito, ai fini della concessione del beneficio, è costituito dalla somma dei redditi di tutti i componenti la famiglia. Solo nell’ambito penale il limite di reddito è elevato di euro 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.
Si tiene conto del solo reddito personale quando sono oggetto della causa diritti della personalità, ovvero nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi.

In ambito civile:

Al fine di essere rappresentata in giudizio, sia per agire che per difendersi, la persona non abbiente può richiedere la nomina di un avvocato e la sua assistenza a spese dello Stato, purché le sue pretese non risultino manifestamente infondate. L’istituto del patrocinio a spese dello Stato vale nell’ambito di un processo civile ed anche nelle procedure di volontaria giurisdizione (separazioni consensuali, divorzi congiunti, ecc.). 

 

Per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a € 11.493,82 (d.m. 16 gennaio 2018 in GU n. 49 del 28 febbraio 2018). Se l’interessato convive con il coniuge, l’unito civilmente o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante.
Eccezione: si tiene conto del solo reddito personale quando sono oggetto della causa diritti della personalità, ovvero nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi.

Avvocato a Milano

PERCHE’ SCEGLIERCI

Avvocato Milano: Al primo contatto in studio verrà valutato il caso specifico e verrà fornito un parere nonché se vi sono i presupposti per la presentazione del patrocinio a spese dello Stato In ogni caso lo studio si riserva di accettare l’incarico liberamente. In alternativa, verrà fornito un preventivo per la pratica.

Studio legale Avv. Walter Felice
Patrocinante in Cassazione
Ordine avvocati di Milano

 

Per maggiori informazioni su Avvocato Milano compila il form


    Leggi la nostra privacy policy per maggiori informazioni su come trattiamo i tuoi dati personali.