Licenziamento Milano

Cosa fare se il licenziamento è ingiusto

E’ innanzitutto  indispensabile impugnare il licenziamento.

Quando? entro 60 giorni dalla comunicazione in caso di impugnazione stragiudiziale ovvero entro 180 giorni dalla stessa comunicazione per proporrre l’impugnazione dinanzi al Giudice.

Attenzione! se le trattative non dessero l’esito sperato è indispensabile proporre l’impugnazione dinanzi al Giudice entro il termine di 180 dalla comunicazione del licenziamento.

Esaminiamo alcune cause di licenziamento:

Licenziamento per giustificato motivo soggettivo

In ipotesi di licenziamento per giustificato motivo soggettivo è  in primo luogo necessario ricevere  il preavviso del datore di lavoro.

Quali sono i casi in cui il datore di lavoro può licenziare per giustificato motivo soggettivo? Ecco alcuni esempi:

  • Grave inadempimento rispetto agli obblighi assunti
  • Ritardo sistematico  nel presentarsi sul posto di lavoro
  • Carcerazione preventiva a carico del dipendente
  • Carcerazione da condanna passata in giudicato
  • Assenza per malattia di carattere prolungato
  • Inidoneità fisica del lavoratore
  • Abbandono immotivato del luogo di lavoro
  • Provocazione di una rissa sul luogo di lavoro
  • Minaccia verso un collega o superiore
  • Reiterata violazione di norme del Codice Disciplinare

Cause di licenziamento per giustificato motivo oggettivo

In caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo  è in primo luogo necessario ricevere il preavviso del datore di lavoro.

Quali sono i casi in cui il datore di lavoro può licenziare per giustificato motivo oggettivo? Ecco alcuni esempi:

  • Crisi aziendale
  • Conclusione dei lavori nel settore edile
  • Fallimento dell’azienda o liquidazione della stessa
  • Cessazione attività
  • Riorganizzazione aziendale

Licenziamento in tronco

In questo caso il datore di lavoro  può licenziare senza preavviso.

Esempi di licenziamento in tronco

  • Assenza ingiustificata
  • Furto del dipendente

Nullità del licenziamento

Il licenziamento è nullo quando risulta essere stato intimato:

Per motivi discriminatori: di razza, di opinioni politiche, di credo religioso, di sesso, di nazionalità, di partecipazione ad un sindacato;

nei periodi di “non recedibilità” previsti dalla legge: maternità, congedo matrimoniale

oppure è intimato per ritorsione.

E’ invece annullabile quando manca una giusta causa o un giustificato motivo oggettivo o soggettivo; il licenziamento annullabile rimane valido solo nel caso in cui il lavoratore non decida di impugnare l’atto.

L’inefficacia del licenziamento si produce quando questo è avvenuto senza il rispetto della procedura e della forma scritta prevista dalla legge. E’ tuttavia  necessario proporre impugnazione dinanzi al Giudice

Impugnazione di licenziamento per motivi economici

2019-02-10T07:56:18+00:00Categories: Avvocato Milano, Diritto Lavoro, Licenziamento Milano, Studio Legale Milano|Tags: , |

Impugnazione di licenziamento per motivi economici: si parla di licenziamento per motivazione economica - o anche di giustificato motivo oggettivo - quando [...]

This website uses cookies and third party services. Settings Ok